Intervista a LIET sull’album d’esordio “Eterna”

LIET

LIET, nome d’arte di Giulia Baldissera , è una giovane cantautrice di Treviso. “ETERNA” (distribuzione Artist First) è il suo primo album anticipato dal singolo “Acqua del cielo”.

 

Ciao Liet, cominciamo con le presentazioni. Quando hai deciso di dare vita al tuo progetto musicale?
Il progetto LIET nasce a marzo 2020, insieme al mio produttore stavo lavorando ai provini dei brani del disco e in quell’occasione ho sentito la necessità di trovare un nome d’arte, in precedenza per esibirmi dal vivo ho sempre usato il mio nome e cognome.


È da poco uscito “Eterna”, il tuo nuovo album, qual è il filo conduttore che unisce le 7 tracce?
“Eterna” parla di verità o almeno la mia verità, ho raccolto in queste canzoni tutte le paure e le fragilità che vivevo quotidianamente durante gli anni dell’università a Milano. È importante per me aver realizzato che i propri difetti sono i fiori da cui ripartire, ho ventiquattro anni e questo momento della mia vita in un certo senso determinerà il mio futuro, è un’età importante, un’età eterna.

 


Nel contesto della musica italiana, spezzato fra un indie sempre più commerciale e una trap che si impone prepotentemente, dove pensi che si trovi la musica e lo stile di Liet?
Come hai detto la scena musicale ora è affezionata ad altre sonorità che sicuramente non si trovano in questo disco, “Acqua del cielo” e “Che mi lasci indietro” ricordano molto il periodo new wave, penso che Eterna sia un disco originale non vuole adattarsi a niente, era quello che volevo fare.


Agganciandoci a quello che hai appena detto…Henry Miller diceva “la musica è un meraviglioso stupefacente, a non prenderla troppo sul serio”. In definitiva cos’è per te la musica?
È parte del mio corpo, un organo che va curato e ci sto provando… ora sto già pensando al secondo disco.


Quali sono i prossimi progetti di Liet?
I prossimi progetti sono i concerti, con il mio produttore stiamo uscendo in duo a presentare il disco in acustico, è un live molto intimo in cui abbiamo inserito anche alcune cover di artisti che hanno influenzato la produzione e la scrittura del disco. Vi aspettiamo ai concerti!


E infine un saluto a tutti i lettori di StandOut…
Ciao a tutti, vi ringrazio per aver prestato attenzione al mio progetto e naturalmente vi aspetto sui miei social.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *