Recensione “Holidays in Rome” – Animarea

cover_album_animarea_holidays_in_rome

Iniziato nel 2008 il progetto Animarea sigla una collaborazione inedita tra i due artisti Rossana Bern, voce calda e versatile e Gabriele Toniolo, autore, compositore  e produttore. Un progetto che ha da poco coronato il sogno di un album in comunione, “Holidays in Rome”, pubblicato dall’etichetta Irma Records. Nato in seguito all’EP omonimo del 2012, che aveva sfornato il fortunato singolo “Onda Anomala”, all’album hanno collaborato artisti importanti della scena italiana e internazionale, nomi di rilievo che sicuramente hanno impreziosito l’humus creativo del progetto. Parliamo di Cheryl Porter (già collaboratrice di Paolo Conte, Zucchero e Mariah Carey),  Leo di Angilla (storico percussionista di Jovanotti) e Michele Bonivento. Il risultato è un disco decisamente vintage, che si ingrana a fatica, ma che serba molte belle sorprese. A partire dalla title-track, che palesa la sua leggerezza, sventolando il suo peso di farfalla, la voce svolazza tra note chiare e scanzonate, il ritmo accompagna la parada con eleganza e sensualità Jazz. Sa di estate e di rilassatezza e di certo la prodigiosa attività live del duo ha inciso fortemente nella realizzazione del progetto. La voce di Rossana Bern si abbina bene alle acrobazie ritmiche, le accompagna risultando sempre convincente, non c’è che dire, persino negli ingarbugli electro-swing di “Love at first sight” o nei momenti deliziosamente bossa nova di “I will come”. Qualche pecca c’è: nel suo spessore spensierato, disinvolto, smaliziato l’ensemble musicale rischia di perdersi via via con arrangiamenti molto curati che tuttavia rischiano di lasciare piuttosto invariato l’ambiente che attraversano (una sala, due orecchie, un cuore a disposizione che siano). Il talento è presente, la gavetta pura, ma in qualche occasione ( Hunting high and low in primis) si ha l’impressione che manchi qualche plot twisting che renda più avvincente l’ascolto ( come lo è invece l’azzeccatissima scelta di una cover di Georges Brassens, “Les Copains D'Abord”). Ma parlando di “Holidays in Rome” nell’insieme e non di “ qualcosa che non c’entra nulla coi crauti” possiamo tranquillamente affermare che è un’intuizione buona, suonata impeccabilmente e sincera, che ha tanto ancora da esplorare e da rifinire per essere ancora migliore. Appuntamento col futuro che siamo certi non mahcerà.  

 

 

Tracklist

 

  1 Holidays in Rome  

  2 Love at the first sight  

  3 Hunting High and Low  

  4 You shine on me  

  5 My heart is yellow  

  6 i will never tire of fighting for love (duet with Cheryl Porter)  

  7 Smile  

  8 Les copains d'abord  

  9 Far beyond the stars  

  10 I will come  

  • - 7/10
    7/10
7/10

3 Comments

  1. oreste

    2 luglio 2017 at 6:20

    bravissimi

  2. oreste

    2 luglio 2017 at 6:20

    mi piace moltissimo

    • Capitano Aldo

      2 luglio 2017 at 11:28

      Grazie moltissimo per aver commentato. Ci fa enormemente piacere. 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *