Un singolo e nuove date estive per Leonardo Lamacchia. L’intervista.

Leonardo Lamacchia

Dopo Ciò che resta, brano col quale Leonardo Lamacchia è arrivato finalista a Sanremo tra le Nuove Proposte del Festival della Canzone Italiana 2017, dal 9 maggio è disponibile sui digital stores e in radio Le chiavi del mio mondo, secondo singolo estratto dall'album Ciò che resta (OTRlive/Universal Music It.).

 

Come ti sei avvicinato alla musica che poi ti ha portato a partecipare a un Festival tanto importante come quello di Sanremo?
Mi sono avvicinato alla musica da prestissimo. Sentivo l'esigenza di esprimermi attraverso il canto dall'età di 8 anni quando chiesi ai miei genitori di portarmi nel coro della parrocchia. Da allora non ci siamo più lasciati. 

Tra la scrittura, la produzione e il live qual è la fase creativa che preferisci e per quale motivo?
Sicuramente preferisco la dimensione live, mi permette di guardare negli occhi la gente che è venuta ad ascoltarmi, senza filtri e senza schermi. Occhi contro occhi. 

È in radio il tuo nuovo singolo “Le chiavi del mio mondo”, un brano diverso da “Ciò che resta”. Ti va di parlarcene?
"Le chiavi del mio mondo" è un brano molto introspettivo che affronta le vulnerabilità della generazione a cui appartengo (e non solo). Nel momento in cui ci si rapporta alla società, si possono trovare ostacoli e scogli che vengono superati dalla passione. 

 

 

Hai aperto alcuni live di Ermal Meta e nel tuo album ci sono due pezzi scritti da lui . Che rapporto avete?
Stimo tantissimo Ermal perché mi ha donato, insieme a Gianni Pollex, due capolavori. È un grandissimo arstista, con la A maiuscola. 

Dopo Sanremo la tua popolarità è cresciuta. Com'è il tuo rapporto con i fans?
Amo i miei fans. Sono molto simili a me, sensibili, a volte timidi e ridono tantissimo. Sono degli amici.

Cosa stai ascoltando in questo periodo? Qualche consiglio ai lettori di StandOut?
Reduce dall'esperienza del Medimex di Bari, sto approfondendo gli ascolti di Solange, Cosmo e in più restano i miei amati cantautori come Cristina Donà e Paolo Nutini . 

Progetti per l’estate? Hai già delle date da segnalarci? 
Il 30 giugno e il 28 luglio sarò a Pescara per fare da apertura a Fabrizio Moro, 4 e 5 agosto invece a Max Gazzè e sono felicissimo. Non vedo l'ora. 
A breve usciranno tutti gli aggiornamenti sulla mia pagina Facebook.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *